Toni Servillo per Ad Vesperas
Il Festival 2007
I luoghi
Gli artisti
Commenti recenti
Da non perdere
Il programma 2006
Categorie
Archivio
Calendario
Gennaio 2023
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Cerca nel sito

Utenti
Subscribe

Foto recenti
www.flickr.com

Il festival 2008


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Cantar Lontano Festival 2008
Voci, spazio, suggestioni di luoghi armoniosi
25 giugno - 6 luglio X edizione

mercoledì 25 giugno
Ancona – Cinema Azzurro – ore 21.00
Ad Vesperas
Prima proiezione del film di Alberto Momo
Sarà presente l’autore.

Ore 22,30 inaugurazione della mostra
Cantar Lontano
10 anni di cultura, musica, design, comunicazione
Festa per il decimo compleanno del festival.
Mauro Uliassi illustra la torta Cantar Lontano, realizzata per l’occasione.

giovedì 26 giugno
Serra San Quirico – Monastero Abbaziale di Santa Lucia – ore 21.00
Per fuggir d’amor le punte
Roberta Mameli canto
Marcello Gatti traversa
Franco Pavan liuto
musiche dalle stampe di Ottaviano Petrucci da Fossombrone.

Avacelli di Arcevia – Chiesa di Sant’Ansovino – ore 24.00
Girotondo di angeli
Christophe Deslignes organo portativo
Da Landini a Signorelli: cupole sonore.

venerdì 27 giugno
Ancona – Cattedrale di San Ciriaco – ore 21.00
Vespro della Beata Vergine Maria
Complesso Cantar Lontano
Marco Mencoboni direttore
musiche di Claudio Monteverdi

Senigallia – Chiesa dei Cancelli – ore 24.00
O spettacolo pur troppo funesto
Francesca Cassinari soprano
Gambe di Legno Consort di Viole da Gamba

sabato 28 giugno
Loreto – Santa Casa– ore 21.00
Donne ispaniche: il regno, la memoria, l’esilio
Patrizia Bovi canto, arpa, percussioni
Begona Olavide canto, salterio, percussioni
musiche dal Cantigas de amigo di Martin Codax (XIII sec.) e dalla tradizione orale sefardita.

Corinaldo – Chiesa dell’Addolorata – ore 24.00
A violino solo
Elisa Citterio violino
musiche di Johann Sebastian Bach

domenica 29 giugno
Ancona – Chiesa degli Scalzi– ore 19.00
Virtute e canoscenza
Numeri, nomi e simboli nella musica religiosa fiamminga del Rinascimento
musiche di: Dufay, Ockeghem, Compère, Brumel. Crequillon, Desprez.
Complesso De Labyrintho
Walter Testolin direttore
Produzione del Cantar Lontano Festival

Portonovo – Chiesa di Santa Maria di Portonovo – ore 24.00
LLama
Ravid Goldschmidt hang
Sílvia Pérez Cruz voce
musiche della tradizione spagnola e portoghese

lunedì 30 giugno
Genga – Grotte di Frassassi (Grotta grande del vento) – ore 21.00
Kaos, il suono delle sfere (e degli abissi)
Complesso La Pifarescha
Complesso De Labyrintho
Complesso Cantar Lontano
Walter Testolin, Marco Mencoboni direttori
Produzione del Cantar Lontano Festival

venerdì 4 luglio
Tolentino – Abbazia di Fiastra – ore 21.00
Complesso Cantar Lontano
Marco Mencoboni direttore
Missa in Illo Tempore a 6 voci (1610)
Musica di Claudio Monteverdi
Produzione del Cantar Lontano Festival 2006

sabato 5 luglio
Fano – Eremo di Monte Giove – ore 21.00
Threnos
Le Lamentazioni del profeta Geremia
Di Marcantonio Ingegneri (1588)
De Labyrintho
Walter Testolin direttore
Produzione del Cantar Lontano Festival

domenica 6 luglio
A violino solo
Offida – Chiesa di Santa Maria della Rocca– ore 21.00
Eduardo Egüez tiorba
Giovanna Pessi arpa barocca
Liquide Perle, musiche da un manoscritto romano.

Provincia di Ancona – Assessorato alla Cultura
Comune di Ancona – Assessorato alla Cultura

in collaborazione con:
Regione Marche
Assessorato ai Beni e Attività Culturali
Provincia di Macerata/Terra dei Teatri Festival
Comune di Ancona – Assessorato al Turismo
Consorzio Frasassi
Comune di Corinaldo
Comune di Senigallia
Comune di Loreto
Comune di Serra San Quirico.

The latest E lucevan le stelle recording


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Click to enlarge

Most of Charles Mouton’s compositions are contained in two volumes printed in Paris around 1679 and a manuscript now in Prague, belonging to the extraordinary Lobkovitz family collection. It is almost certain that Mouton’s published works actually filled four books, a fact indicated by the publishing business of Etienne Roger, which provides records of three books attributed to Mouton published in 1707 and a fourth book published before 1712: however, no trace of the last two remains today. It is not unlikely that most of the repertoire in the two missing collections is preserved in the Lobkovitz collection manuscript, believed to be in Mouton’s own hand. As well as containing pièces by the Parisian lutanist, it also offers an interesting collection of works by Denis and Ennemod Gaultier, often with a double written by Mouton himself. Another extremely important item in the Prague collection is a copy of the second printed volume, printed only up to page 33 and completed by hand, probably by Mouton himself, with two new pieces and compositions which had already appeared in print but presented here under different titles. So there are grounds for maintaining that there were close contacts between the Lobkowitz family and our lutanist, perhaps through the young Philipp Lobkowitz (1680-1735) to whom the volume belonged. Most of the pieces included in this recording, freely grouped together as a sequence of pièces in the same key, are from the manuscript sources, although some are from the printed volumes, and I hope that they provide a fitting representation of Charles Mouton’s extraordinary achievements as a composer.

Here is the packaging for this fantastic recording. Follow the instructions of our
tutorial video
and make yourself a perfect sounding and looking E lucevan le stelle home made cd, including booklet and label.
just a click to get the front cover.
Then click for the back cover.
And then the cd’s label
And click here to get the booklet.
Now you only need the music, that you can buy online and have it in your Ipod. Please be sure to have cookies accepted by your broswer, going to the E lucevan le stelle’s MUSICSTORE Click to enlarge

La maggior parte delle composizioni di Charles Mouton è contenuta in due volumi dati alle stampe a Parigi intorno al 1679 e ad un manoscritto oggi a Praga appartenuto alla straordinaria collezione della famiglia Lobkovitz. E’ quasi sicuro che le opere pubblicate da Mouton fossero in realtà raccolte in quattro libri, come testimonia l’attività editoriale di Etienne Roger nella quale troviamo traccia di tre libri attribuiti a Mouton pubblicati nel 1707 e di un quarto libro edito prima del 1712: degli ultimi due abbiamo però oggi perso le tracce. Non è improbabile che il repertorio contenuto nelle due sillogi mancanti sia principalmente conservato nel manoscritto della collezione Lobkovitz, ritenuto opera autografa di Mouton e che oltre a contenere pièces del liutista parigino mostra un’interessante collezione di brani di Denis ed Ennemod Gaultier provvisti sovente di un double scritto dallo stesso Mouton. Di grande rilievo all’interno della collezione principesca è anche la presenza di una copia del secondo volume a stampa: quest’ultimo è infatti impresso fino alla pagina 33 ed è completato a mano, probabilmente dallo stesso Mouton, con due brani nuovi e con composizioni già apparse in stampa ma qui presentate con diversi titoli. E’ dunque verosimile pensare ad uno stretto contatto fra la famiglia Lobkowitz e il nostro liutista, forse del giovane Philipp Lobkowitz (1680-1735) a cui appartenne il volume. I brani inseriti nella presente registrazione, ragguppati liberamente come successioni di pièces nel medesimo tono, sono tratti in gran parte dalle fonti manoscritte ma anche dai volumi a stampa, e mi auguro possano rappresentare in modo significativo la straordinaria arte compositiva di Charles Mouton.

Ecco quanto necessario per realizzare il packaging di questo meraviglioso disco. Seguite le indicazioni del nostro
tutorial video
e realizzate da voi a casa la confezione di uno splendido cd E lucevan le stelle.
Cliccate per ottenere la parte frontale .
Poi cliccate per il retro
E poi scaricate il label del vostro disco.
Ed infine ottenete il libretto in due lingue con un semplice click qui
Ora avete solo bisogno della musica, che potrete acquistare online e tenere nel vostro Ipod. Accertatevi che il vostro broswer accetti i cookies e poi dirigetevi verso il MUSICSTORE E lucevan le stelle Records.

Music & Nature


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

cover

It will be available in a couples of weeks a new E lucevan le stelle’s recording fully dedicated to the music of Charles Mouton performed by italian lutenist and musicologist Franco Pavan (photo by Costanza Raffaelli). As a first invitation to that superbe music we would like to have some suggestions by people devoted to that music, especially in the matter of recorded music. There is a point quite interesting to discuss: listen carefully at the beautifull Sarabande La Doucereuse, we have prepared for you in two differents version. In one of them (we hope you can hear it) a little bird started to sing very near the church where the recording was going on. His singing become very evident exactly at the end of the sarabande, on the very last notes. We had to wait in order to have the possibility to record that sarabande without that natural noise. Now we are really thinking to print the version with the bird singing, even if that could be seen by our customers not really correct. con Do you have any suggestions about that?
Thanks.
e lucevan le stelle staff

Sarà disponibile tra un paio di settimane il nuovo disco della E lucevan le stelle Records completamente dedicato alla musica di Charles Mouton nell’esecuzione del liutista italiano Franco Pavan (la foto è di Costanza Raffaelli). Vi inviatiano a familiarizzare con questa bellissima musica scaricando in anteprima due brani del disco che abbiamo preparato per voi in una duplice versione. Durante la registrazione della Sarabande La Doucereuse un uccellino si è posizionato su un ramo vicino alla chiesa e proprio alla fine del brano, ha cominciato a cinguettare in maniera piuttosto evidente, tanto da essere catturato dai nostri microfoni. Per poter registrare una versione senza l’inaspettato intruso canterino abbiamo dovuto aspettare che se ne andasse. Ora, proprio alla vigilia della pubblicazione ci sorge un dubbio: e se fosse più bella la versione in duo?
Scaricate dunque i due brani dal disco Le Mouton fabuleux di prossima pubblicazione, e diteci cosa ne pensate se volete.
Grazie
e lucevan le stelle staff

To download La Doucereuse and My mistress is pretty by Charles Mouton in the performance of Franco Pavan click down here:

Per effetture il download di La Doucereuse e My mistress is pretty di Charles Mouton nell’esecuzione di Franco Pavan fate click sul pulsante qui sotto a sinistra.
Click to enlarge

Marguerit


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il disco Marguerit

Preparing the outcoming of the new E lucevan le stelle’s recording Marguerit, Marco Mencoboni, producer and artistic director of the recording, is sending us from Prague a nice video, that represents also a quite innovative way to let know a not wery easy and common music to approciate. Just made with his simple photo camera that listening make a fresh approach to the music of Francesco Spinacino. Next friday we will be back (at least we hope so) with the presentation of a new piece from the recording. Just enjoy with a click here.

Preparando l’uscita del nuovo disco E lucevan le stelle Marguerit, Marco Mencoboni, produttore e direttore artistico della registrazione, ci propone da Praga un modo abbastanza insolito ma originale per scoprire la bellezza della musica di Francesco Spinacino. Realizzato con una semplice macchina fotografica digitale ecco un approccio quanto mai fresco a questa musica. Venerdì prossimo è previsto un nuovo incontro, che ci permetterà di scoprire un nuovo brano del disco. Ascoltate e guardate con un semplice click qui.

Le interviste agli artisti 2007


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Ecco le interviste in formato mp3, concerto per concerto:

21 giugno, Gabriele Palomba e la celebrazione di Francesco Spinacino

22 giugno, Khaled Arman e la musica tradizionale afgana

22 giugno, Cristiano Contadin e il cantar bastardo

23 giugno, Hopkinson Smith e Mr Dowland

24 giugno, Alessandro Carmignani e l’ensemble Ecclesia

25 giugno, Guillermo Perez e la magia dell’organo portativo

ll soprano Patrizia Vaccari


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il soprano Patrizia VaccariLe Nostre Stelle torna online con un ospite femminile: il soprano Patrizia Vaccari. Ascoltatela, come sempre, ai microfoni di Giovanna in una chiacchierata tutta in rosa. I brani proposti sono: G.Ph. Telemann “Ewge Quelle, milder Strom” e D. Gabrielli “Aure voi dei miei sospiri”.

 


icon for podpress  Il soprano Patrizia Vaccari: Play Now | Play in Popup | Download

Cristiano Contadin


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Diplomatosi prima in pianoforte sotto la guida del Maestro M. Somenzi e successivamente in viola da gamba con il Maestro P. Biordi, ha iniziato a collaborare con rinomati ensemble italiani e stranieri specialisti nella prassi esecutiva antica, tra cui: Accademia Bizantina, il Giardino Armonico, Accademia Strumentale Italiana, Orchestra Filarmonica della Scala, l’Arte dell’Arco, Accademia DiaPason, Ensemble Elyma, Capella Ducale Venetia, Quartetto Italiano di Viole da Gamba, I Barocchisti, Radio Svizzera Italiana, Il Suonar Parlante… con i quali ha ricevuto riconoscimenti in ambito nazionale ed internazionale.
Oltre al consueto repertorio violistico approfondisce la musica contemporanea eseguendo partiture appositamente scritte da famosi compositori e jazzisti quali Kenny Wheeler, Uri Caine, Don Byron, Vanni Moretto, Francesco Hoch, Ernst Rejseger, Markus Stockausen…
Incide per Winter &Winter, Deutsche Grammophon, EMI Classics, Glossa, Brilliant, K617, Tactus, RAI, ORT, RTSI, ORF etc.
Svolge inoltre attività di ricerca musicale dedicandosi soprattutto al repertorio violistico italiano del XVII e XVIII secolo; ha curato la traduzione italiana di The early history of the viol di I. Woodfield edito da EDT e per la casa editrice MUSEDITA coordina la collana dedicata alla Viola da gamba. (La voce dell’Ambasciatore).
E’ docente di Viola da gamba presso il Conservatorio B. Marcello di Venezia e presso i corsi di Musica Antica di Nervi, Urbino, Sacile…
Suona una viola da gamba basso italiana della prima metà del Settecento.

Hopkinson Smith


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Nato a New York nel 1946, Hopkinson Smith si diploma con lode in Musica ad Harvard, nel 1972. Nell’anno successivo viene in Europa per studiare con Emilio Pujol in Catalogna e con Eugen Dombois in Svizzera. Prende quindi parte a numerosi progetti di musica da camera, ivi compresa la creazione dell’ensemble Hesperion XX.

Dalla meta’ degli anni 80’ si dedica quasi esclusivamente ai repertori da solista degli strumenti a corda antichi, e incide per Astrée una serie di pluripremiate registrazioni, che propongono musica spagnola per vihuela e chitarra barocca, musica francese rinascimentale e barocca per liuto, musica italiana del primo ‘700 e musica tedesca del tardo barocco.

La sua registrazione degli Arrangiamenti per Liuto delle Sonate per violino solo di Bach è stata acclamata dalla stampa specializzata. La rivista della Gramophone l’ha definita miglior registrazione assoluta di quel pezzo. Piu’ recentemente una sua registrazione della musica rinascimentale per liuto di Pierre Attaignant ha vinto il Diapason d’Oro. Le Monde l’ha definita superba. La recente registrazione di Dowland, uscita a inizio 2005, ha a sua volta vinto il Diapason d’Oro ed è stata detta meravigliosamente personale dal New York Times… Si e’ esibito ed ha insegnato in corsi di laurea in tutta l’Europa occidentale ed orientale, in America del Nord e del Sud, in Giappone, facendo spesso ricorso alla sua indole di eremita e nomade…

In marzo del 2007 ha dato concerti e seminari in Palestina, sotto l’egida della Fondazione Barenboim-Said. Insegna alla Schola Cantorum Basiliensis.

Per saperne di piu’, vai sul suo sito.

Ecclesia - Musici Italiani


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Ecclesia è un gruppo vocale di musicisti eclettici ad alta specializzazione in musica medievale che hanno collaborato con i più importanti direttori nel mondo di musica antica, esibendosi nei teatri e siti artistici più conosciuti. L’organismo è di recente formazione ma ha già ottenuto grandi successi di critica e di pubblico, ed ha sottoscritto un contratto per la produzione musicale di colonne sonore con la RAI, radiotelevisione italiana.

Alessandro Carmignani, Controtenore

Alessandro Carmignani, nato a Pisa, è l’ideatore del “Progetto Ecclesia”, che si sta affermando nel campo concertistico, e delle colonne sonore da sottofondo mediante elaborazioni “super contrafactum” in chiave moderna di famosi temi medievali. Si è diplomato in Canto al Conservatorio “Cherubini” di Firenze, e sotto l’influenza del Maestro Fosco Corti del quale è stato allievo, ha affiancato all’emissione tenorile quella da controtenore; specialista da molti anni nel repertorio medievale e del primo rinascimento, ha collaborato con i più grandi conoscitori mondiali del periodo.

Si è esibito nei più prestigiosi teatri e sale da concerto di tutto il mondo, tra cui in Italia: Teatro Comunale di Firenze, Teatro Comunale di Bologna , Teatro “Verdi” di Pisa, “Gran Teatro La Fenice” di Venezia, Teatro “Olimpico” di Vicenza, Teatro “Valli” di Reggio Emilia, Teatro “Regio” di Parma, “Piccolo Regio Puccini” di Torino, Ravenna Festival, Festival di Cremona, Festival Grandi Interpreti di Bologna, Musica a San Maurizio di Milano, Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Massimo “V. Bellini” di Catania, Teatro dell’Opera di Roma, fra i posti più importanti. Ha collaborato come solista con importanti direttori d’orchestra come Massimo De Bernart, Jan Latham-Koenig, Alan Curtis, Donato Renzetti, Alain Guingal, Thomas Hengelbrock, René Jacobs, Nicola Luisotti , Josè Miguel Moreno, Rinaldo Alessandrini, Andrew Lawrence-King, Fabio Biondi, e con Pedro Memelsdorff per quanto riguarda la musica medievale, incidendo con il gruppo “Mala Punica” vari programmi per Erato e Armonia Mundi France.

All’estero si è esibito in Francia, Austria, Germania, Danimarca, Svizzera, Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo, Grecia, Repubblica Ceca, Norvegia, Scozia, Polonia, Inghilterra, Croazia, Slovenia, Turchia, Egitto, Israele-Palestina, U.S.A., Giappone, Russia, Cipro.

Al suo attivo ci sono più di 110 incisioni discografiche per varie case (Tactus, Symphonia, Bongiovanni, Cpo, Erato, Opus 111, Astrée-Auvidis, Sarx, Harmonia Mundi France, Stradivarius, Dynamic, Naxos, Virgin), alcune delle quali di prossima commercializzazione.

E’ stato spesso ospite del Festival Cantar Lontano diretto da Marco Mencoboni, realizzando svariati progetti esportati anche all’estero con successo.

Carlo Messeri, Tenore

Nato a Livorno, si é diplomato in canto presso il l’Istituto Musicale “P. Mascagni”.

Nel 1991 frequenta il corso di canto tenutosi all’Accademia Musicale Chigiana di Siena dal Maestro Alfredo Kraus e tutt’ora prosegue i propri studi a Roma con la Signora Anna Dorè Pradella.

Dopo aver iniziato la carriera artistica, nel 1997 si esibisce a Massa Carrara nell’opera di Britten “Il piccolo spazzacamino”, nel 1999 è impegnato come solista nella “Petite Messe Solennelle” di Rossini. Nel 2001 interpreta al Teatro “A. Bonci” di Cesena la parte di Ernesto nell’opera di Donizetti “Don Pasquale”, mentre nel 2002 a Treviso è il Conte di Almaviva ne “Il barbiere di Siviglia” di Rossini e nel 2004 al Teatro “Pacini” di Pescia esegue l’opera di Donizetti “L’elisir d’amore” nella parte di Nemorino, debuttando successivamente ancora a Treviso nel ”Rigoletto” di Verdi nel ruolo del Duca di Mantova. Da qualche tempo si occupa di musica antica sfruttando la malleabilità della sua voce, collaborando con vari gruppi musicali, tra cui Ecclesia.

Paolo Fanciullacci, Tenore

Nato a Prato, ha iniziato gli studî musicali nella propria città dove ha seguito i corsi di tromba e contrabbasso. Si è avvicinato alla musica antica dedicandosi allo studio del cornetto, del quale è anche costruttore, affermandosi come interprete negli ensembles più famosi del settore, con i quali si è esibito in Italia e all’estero. Ha studiato canto col soprano Kate Gamberucci, svolgendo attività concertistica come tenore in numerosi gruppi da camera con repertorio prevalentemente rinascimentale e barocco, tra cui “Concerto Italiano”, “Odhecaton”, “Homme armé”, “Mala Punica”, “Cappella Ducale Venezia”, “The Harp Consort”. Ha tenuto concerti in tutta Europa, USA , Corea del Sud e medio Oriente.

Ha al suo attivo la registrazione di oltre 80 cd e partecipazioni radiofoniche e televisive.

Marcello Vargetto, Basso

Marcello Vargetto nasce a Messina, e studia Canto presso il Conservatorio “A. Corelli” della sua città sotto la guida del tenore Antonio Bevacqua, diplomandosi col massimo dei voti e la lode.

In seguito, parallelamente agli studi sul repertorio lirico e cameristico con i maestri Sergio Catoni e Franco Pagliazzi, coltiva la passione per la produzione vocale rinascimentale e barocca, specializzandosi con importanti artisti del settore quali Gabriel Garrido, James Griffith, Claudine Ansermet e Jill Feldmann.

Inizia così una fortunata carriera che lo porta dal 1990 a collaborare con i più importanti direttori della musica antica, quali Gabriel Garrido, Rinaldo Alessandrini, Kees Boeke, Alan Curtis, Andrew Lawrence-King, Giovanni Acciai, Marco Longhini, Marco Mencoboni.

Ha partecipato ad importanti manifestazioni dedicate alla Musica Antica in prestigiosi teatri ed importanti sale da concerto in Belgio, Canada, Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Stati Uniti.

Come solista ha cantato ne Il ritorno di Ulisse in Patria e ne l’Incoronazione di Poppea per il Teatro Massimo di Palermo, ed ha partecipato ai più importanti festivals del mondo, quali: Ambronay, Barcellona, Brugge , Beaune, La Chaise-Dieu, Boston, Erice, Vancouver,

Utrecht, Milano, Lago d’Orta, Viterbo, esibendosi in prestigiose sale quali la Queen Elisabeth Hall di Londra, il Metropolitan Tabernacle di Vancouver, Dumbarton Oaks di Washington.

Attualmente collabora particolarmente con gli ensemble Odecathon, l’Homme Armé e Nova Ars Cantandi.

Ha inciso oltre 50 CD per le etichette Concerto, Dynamic, K617, Opus 111, Stradivarius, Tactus etc.

Guillermo Pérez


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

guillermoNato a Barcellona nel 1980, Guillermo Pérez si distingue per una straordinaria carriera nel mondo degli strumenti a tastiera medievali.

Acclamato come uno dei pochi ed eccezionalmente dotati suonatori professionali di organo portativo, porta avanti lo studio di differenti repertori strumentali dei secoli XIV e XV di pari passo con il suo ruolo di protagonista della brillante attivita’ dell’ensemble Tasto Solo, che recentemente ha vinto il prestigioso concorso IYAP-Early Music 2006 al Festival Laus Polyphoniae di Antwerp. Si esibisce regolarmente con i piu’ prestigiosi ensemble di musica medievale, tra gli altri Mala Punica, Micrologus, lo Unicorn Ensemble, il Canto Coronato e SuperLibrum. Partecipa inoltre alle attivita’ del noto gruppo vocale francese Musica Nova, nonche’ dell’ensemble De Pulchrae, con il quale nel 2003 si e’ distinto nel concorso internazionale FNAPEC di Parigi.

Diplomatosi al Conservatorio in flauto dolce e pianoforte in Spagna, comincia ad interessarsi ai repertori tardo-medievali quando parte per l’Italia e la Francia per approfondire i suoi studi, principalmente sotto la direzione del Maestro Pedro Memelsdorff. Perfeziona la sua tecnica alla Civica Scuola di Musica di Milano e al Conservatorio Nazionale di Tolosa. Intraprende poi un intenso studio, da autodidatta, nella pratica dell’organo portativo. Matura cosi’ una completa padronanza della tecnica di questo strumento, del suo repertorio e dei suoi differenti modi espressivi. Negli ultimi anni intensifica inoltre l’attivita’ di insegnante con corsi brevi, master e conferenze, nonche’ con progetti di restauro di organi antichi.

Collabora regolarmente con il Centro Itinerante di Ricerca sulla Musica Antica (CRIMA), diretto da Marcel Pérès, e, in qualita’ di direttore musicale della Companyia Baixadansar, promuove la ricerca e la creazione di progetti sulla musica e la danza del XV secolo.

Ensemble Kaboul


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

L’Ensemble Kabul viene fondato a Ginevra nel 1995 (nell’ambito degli Ateliers di Etnomusicologia) da Hossein Arman, cantante afgano molto noto nel suo paese, che fu costretto all’esilio a causa della situazione politica afgana. Hossein Arman, suo figlio Khaled (rubâb e Direttore artistico) e suo cugino Osman (flautista) formano il nucleo dell’ensemble.
Come per la maggior parte della musica orientale, il repertorio dell’Ensemble Kaboul si basa su un corpus di musica melodica tradizionale (râg) e sui cicli temporali (tâl, o anche zarb).
L’ensemble ha un profondo rispetto per la tradizione della musica afgana, incluse le varie influenze che l’hanno contaminata nel corso dei secoli, pur mantenendo il suo proprio carattere: il repertorio ha le sue radici nella musica folk delle diverse regioni afgane, ma l’interpretazione è fortemente caratterizzata dal personalissimo stile degli arrangiamenti di Khaled. Il suono caratteristico prodotto dall’ensemble e’ un’armonia unica di sonorita’ antiche e recenti.
Il gruppo, poi, mette insieme diversi strumenti a percussione che provengono dalle piu’ diverse regioni asiatiche: dall’India al Medio oriente, al Nord Africa, cio’ che riflette le molte e diverse influenze e contaminazioni della musica afgana.

Khaled Arman e’ un musicista straordinario. Ha una formazione variegata: ha studiato e praticato musica tradizionale afgana con suo padre, e ha anche studiato musica Indiana e musica Occidentale. Dopo aver suonato la chitarra con l’Orchestra di Radio-Kaboul, e’ partito per studiare a Praga, quindi a Parigi, dove ha conseguito il primo premio al Concorso Internazionale di Chitarra organizzato da Radio-France. Egli compone anche musica elettroacustica.
Ha portato la tecnica e la musicalita’ della rub
âb (una sorta di liuto dalla forma piu’ sottile e allungata) ad un alto livello di perfezionamento, basandosi sul suono del sarod indiano e pakistano, da cui lo stesso rubâb proviene.

Hossein Arman, padre di Khaled, era un cantante e compositore di tutto rispetto in Afganistan, prima che la situazione politica lo costringesse a rifugiarsi all’estero. Negli anni ’50 e ’60 fu uno dei pionieri del revival della canzone folk afgana, e ha realizzato molte incisioni distribuite in Afganistan e all’estero.
E’ stato anche membro della primo Teatro Stabile di Kaboul.
Conosce centinaia di canzoni tradizionali, che formano la base del repertorio dell’Ensemble.
La sua voce e’ molto limpida e chiaramente riconoscibile per la suo tono caldo e vibrante.

Osman Arman e’ cresciuto in una famiglia di musicisti ed e’ divenuto flautista quasi naturalmente, suonando il tulak, un flauto traverso fatto dal bamboo. Le sue interpretazioni da solista rivelano distintamente l’estetica dello stile afgano tradizionale e delle sue molte ramificazioni regionali.

Franco Pavan


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

pavanLiutista e continuista, ha studiato con Paul Beier alla Civica Scuola di Musica di Milano, dove si è diplomato nel 1995; si è, inoltre, laureato in Lettere all’Università degli Studi di Milano con Francesco Degrada.
Svolge attività concertistica in qualità di solista e collabora con diverse formazioni musicali italiane dedite alla musica antica: La Cappella della Pietà de’ Turchini diretta da Antonio Florio, l’Ensemble Galilei diretto da Paul Beier e La Venexiana diretto da Claudio Cavina, la Risonanza, l’Ensemble Aurora, la Compagnia de’ Musici, suonando per le più prestigiose rassegne europee. E’ tra i fondatori dell’Ensemble “Retablo barocco”.

Ha preso parte a più di una trentina di incisioni per numerose etichette, tra le quali Opus 111, EMI, Virgin, Arcana, Fonè, Stradivarius, Symphonia, Cantus, Glossa, premiate con riconoscimenti come il Diapason d’Or, 10 di Repertoire, Choc Musique, 5 stelle Goldberg, Premio internazionale del disco Antonio Vivaldi.
Ha registrato inoltre per tutte le emittenti radiofoniche nazionali ed europee.

Svolge attività di ricerca musicologica dedicandosi soprattutto al repertorio liutistico dei secoli XVI e XVII e alla produzione musicale del primo Seicento italiano.

Emanuela Galli


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

galliSoprano, vera e propria ’star’ della musica antica, Emanuela Galli si e’ diplomata in canto al Conservatorio di Mantova.

Ha collaborato con diversi ensembles e orchestre di musica Barocca, tra i quali: Cappella della Pieta’ dei Turchini, Risonanza, Venexiana, Pian&Forte e La Fenice.

Ha partecipato e tenuto concerti ai piu’ importanti Festival nazionali ed internazionali, tra cui citiamo il Festival di Musica e Poesia di San Maurizio in Milano, il Festival Barocco di Pontoise, il Festival di Beaune, il Festival di Bruges, il Festival di Utrecht e il Festival di Friburgo e Lugano.
Ha cantato al Teatro La Fenice a Venezia, al Konzerthaus di Vienna, al Konzerthaus di Berlino, alla Fondazione Calouste Gulbenkian di Lisbona, nonche’ a Barcellona e a Santiago de Compostela.

Nell’ambito del repertorio operistico del Barocco Italiano ha interpretato molti ruoli, tra i quali ricordiamo: Erosmina ne La Finta Cameriera di Gaetano Latilla al Teatro Petruzzelli di Bari, Cupido e Madre Maria ne La Colomba Ferita di Francesco Provenzale al Teatro San Carlo di Napoli, Belluccia Mariano ne Li Zite’n Galera di Leonardo da Vinci, nonche’ Alcina e Sirena ne La Liberazione di Ruggiero dall’Isola di Alcina, opera-balletto di Francesco Caccini.

Ha poicantato come solista ne Il Vespro della Beata Vergine di Monteverdi al Teatro Massimo di Palermo.

E’ interprete di molte registrazioni per varie etichette musicali, nonche’ per la radio e la televisione.

Gabriele Palomba


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

palombaGabriele Palomba si e’ diplomato in liuto con il massimo dei voti presso la Civica Scuola di Milano sotto la guida del M° Paul Beier. Ha seguito corsi di perfezionamento con Pat O’Brian, Cris Wilson, Anthony Bailes e per la musica d’insieme con J. Christensen. Svolge attivita’ concertistica come solista e continuista in Italia e all’estero. Ha collaborato con l’Ensemble Galilei, Ensemble Concerto, La Venexiana, La Cappella della Pieta’ dei Turchini, La Risonanza e altre formazioni italiane, affrontando repertori che vanno dal madrigale cinquecentesco fino alla cantata barocca. Ha effettuato registrazioni per Stradivarius, Glossa, Rai e per la Radio della Svizzera Italiana. Per la casa discografica “E Lucevan Le Stelle Records” ha inciso con Emanuela Galli e Franco Pavan musiche di G. A. Terzi.

Qualche foto da Macerata


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Giungono in redazione alcune foto del concerto dello scorso 13 dicembre tenuto dal Cantar Lontano a Macerata, nelle Marche. Non ci crederete ma… guarda caso… ritraggono solo lui.

Il Maestro


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Marco Mencoboni dirige il Complesso Cantar Lontano
Eccolo! E’ il suo turno! Come avrà vissuto, il M° Marco Mencoboni, il concerto di Macerata? Sarà contento? Sarà soddisfatto? Lo abbiamo beccato al telefono lungo la via del ritorno.

 


icon for podpress  Il Maestro: Play Now | Play in Popup | Download

Dalla fine al principio


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Chiesa di San Paolo di Macerata- organo callido
Rewind. Dalla fine… al principio. Dopo gli entusiastici commenti del pubblico a fine concerto, ecco le impressioni dei cantanti poco prima dell’inizio.

 


icon for podpress  I cantanti in anteprima: Play Now | Play in Popup | Download

Specchio specchio delle mie brame


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il tenore Simone SoriniSpecchio, specchio delle mie brame: chi è il più bello del reame? E’ più bello il Maestro o c’è qualcuno che, zitto zitto, insidia il suo primato? A detta delle fans, quel qualcuno c’è: è Simone Sorini, tenore. E’ lui il nuovo ospite de Le Nostre Stelle.

 


icon for podpress  Il tenore Simone Sorini: Play Now | Play in Popup | Download

Le Nostre Stelle, quarto incontro: il soprano Lia Serafini


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Finalmente una presenza femminile nel panorama stellato del Cantar Lontano: il soprano Lia Serafini è l’ospite della quarta puntata de Le Nostre Stelle.Ascoltatela mentre racconta di sé e del suo rapporto con i maschiacchi del gruppo.

 


icon for podpress  Il soprano Lia Serafini: Play Now | Play in Popup | Download

Le Nostre Stelle, terzo incontro: il controtenore Alessandro Carmignani


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il controtenore Alessandro CarmignaniAltro giro, altro regalo. Terzo appuntamento con Le Nostre Stelle: il controtenore Alessandro Carmignani ai microfoni di Giovanna. Ascoltatelo in un’intervista unica, imperdibile e divertentissima. Divertentissima? Sì, divertentissima! Se poi volete rivivere quello speciale momento magico e lindo che ricorda Alessandro occorso durante la registrazione del disco dedicato alla musica di Diego Ortiz, fate clic qui ed ascoltate la bella fine di quella sessione di registrazione.

 


icon for podpress  Il controtenore Alessandro Carmignani: Play Now | Play in Popup | Download
Feed: RSS, Atom