Toni Servillo per Ad Vesperas
Il Festival 2007
I luoghi
Gli artisti
Commenti recenti
Da non perdere
Il programma 2006
Categorie
Archivio
Calendario
Gennaio 2023
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Cerca nel sito

Utenti
Subscribe

Foto recenti
www.flickr.com

The latest E lucevan le stelle recording


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Click to enlarge

Most of Charles Mouton’s compositions are contained in two volumes printed in Paris around 1679 and a manuscript now in Prague, belonging to the extraordinary Lobkovitz family collection. It is almost certain that Mouton’s published works actually filled four books, a fact indicated by the publishing business of Etienne Roger, which provides records of three books attributed to Mouton published in 1707 and a fourth book published before 1712: however, no trace of the last two remains today. It is not unlikely that most of the repertoire in the two missing collections is preserved in the Lobkovitz collection manuscript, believed to be in Mouton’s own hand. As well as containing pièces by the Parisian lutanist, it also offers an interesting collection of works by Denis and Ennemod Gaultier, often with a double written by Mouton himself. Another extremely important item in the Prague collection is a copy of the second printed volume, printed only up to page 33 and completed by hand, probably by Mouton himself, with two new pieces and compositions which had already appeared in print but presented here under different titles. So there are grounds for maintaining that there were close contacts between the Lobkowitz family and our lutanist, perhaps through the young Philipp Lobkowitz (1680-1735) to whom the volume belonged. Most of the pieces included in this recording, freely grouped together as a sequence of pièces in the same key, are from the manuscript sources, although some are from the printed volumes, and I hope that they provide a fitting representation of Charles Mouton’s extraordinary achievements as a composer.

Here is the packaging for this fantastic recording. Follow the instructions of our
tutorial video
and make yourself a perfect sounding and looking E lucevan le stelle home made cd, including booklet and label.
just a click to get the front cover.
Then click for the back cover.
And then the cd’s label
And click here to get the booklet.
Now you only need the music, that you can buy online and have it in your Ipod. Please be sure to have cookies accepted by your broswer, going to the E lucevan le stelle’s MUSICSTORE Click to enlarge

La maggior parte delle composizioni di Charles Mouton è contenuta in due volumi dati alle stampe a Parigi intorno al 1679 e ad un manoscritto oggi a Praga appartenuto alla straordinaria collezione della famiglia Lobkovitz. E’ quasi sicuro che le opere pubblicate da Mouton fossero in realtà raccolte in quattro libri, come testimonia l’attività editoriale di Etienne Roger nella quale troviamo traccia di tre libri attribuiti a Mouton pubblicati nel 1707 e di un quarto libro edito prima del 1712: degli ultimi due abbiamo però oggi perso le tracce. Non è improbabile che il repertorio contenuto nelle due sillogi mancanti sia principalmente conservato nel manoscritto della collezione Lobkovitz, ritenuto opera autografa di Mouton e che oltre a contenere pièces del liutista parigino mostra un’interessante collezione di brani di Denis ed Ennemod Gaultier provvisti sovente di un double scritto dallo stesso Mouton. Di grande rilievo all’interno della collezione principesca è anche la presenza di una copia del secondo volume a stampa: quest’ultimo è infatti impresso fino alla pagina 33 ed è completato a mano, probabilmente dallo stesso Mouton, con due brani nuovi e con composizioni già apparse in stampa ma qui presentate con diversi titoli. E’ dunque verosimile pensare ad uno stretto contatto fra la famiglia Lobkowitz e il nostro liutista, forse del giovane Philipp Lobkowitz (1680-1735) a cui appartenne il volume. I brani inseriti nella presente registrazione, ragguppati liberamente come successioni di pièces nel medesimo tono, sono tratti in gran parte dalle fonti manoscritte ma anche dai volumi a stampa, e mi auguro possano rappresentare in modo significativo la straordinaria arte compositiva di Charles Mouton.

Ecco quanto necessario per realizzare il packaging di questo meraviglioso disco. Seguite le indicazioni del nostro
tutorial video
e realizzate da voi a casa la confezione di uno splendido cd E lucevan le stelle.
Cliccate per ottenere la parte frontale .
Poi cliccate per il retro
E poi scaricate il label del vostro disco.
Ed infine ottenete il libretto in due lingue con un semplice click qui
Ora avete solo bisogno della musica, che potrete acquistare online e tenere nel vostro Ipod. Accertatevi che il vostro broswer accetti i cookies e poi dirigetevi verso il MUSICSTORE E lucevan le stelle Records.

Music & Nature


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

cover

It will be available in a couples of weeks a new E lucevan le stelle’s recording fully dedicated to the music of Charles Mouton performed by italian lutenist and musicologist Franco Pavan (photo by Costanza Raffaelli). As a first invitation to that superbe music we would like to have some suggestions by people devoted to that music, especially in the matter of recorded music. There is a point quite interesting to discuss: listen carefully at the beautifull Sarabande La Doucereuse, we have prepared for you in two differents version. In one of them (we hope you can hear it) a little bird started to sing very near the church where the recording was going on. His singing become very evident exactly at the end of the sarabande, on the very last notes. We had to wait in order to have the possibility to record that sarabande without that natural noise. Now we are really thinking to print the version with the bird singing, even if that could be seen by our customers not really correct. con Do you have any suggestions about that?
Thanks.
e lucevan le stelle staff

Sarà disponibile tra un paio di settimane il nuovo disco della E lucevan le stelle Records completamente dedicato alla musica di Charles Mouton nell’esecuzione del liutista italiano Franco Pavan (la foto è di Costanza Raffaelli). Vi inviatiano a familiarizzare con questa bellissima musica scaricando in anteprima due brani del disco che abbiamo preparato per voi in una duplice versione. Durante la registrazione della Sarabande La Doucereuse un uccellino si è posizionato su un ramo vicino alla chiesa e proprio alla fine del brano, ha cominciato a cinguettare in maniera piuttosto evidente, tanto da essere catturato dai nostri microfoni. Per poter registrare una versione senza l’inaspettato intruso canterino abbiamo dovuto aspettare che se ne andasse. Ora, proprio alla vigilia della pubblicazione ci sorge un dubbio: e se fosse più bella la versione in duo?
Scaricate dunque i due brani dal disco Le Mouton fabuleux di prossima pubblicazione, e diteci cosa ne pensate se volete.
Grazie
e lucevan le stelle staff

To download La Doucereuse and My mistress is pretty by Charles Mouton in the performance of Franco Pavan click down here:

Per effetture il download di La Doucereuse e My mistress is pretty di Charles Mouton nell’esecuzione di Franco Pavan fate click sul pulsante qui sotto a sinistra.
Click to enlarge

Marguerit


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Emanuela Galli

Preparing the outcoming of the new E lucevan le stelle’s recording Marguerit, Marco Mencoboni, producer and artistic director of the recording, is sending us from Venisce the second video, presenting a second piece from the Marguerit album. We go on discovering the beautiful music of Francesco Spinacino. Next friday we will be back (at least we hope so) with the presentation of a new piece from the recording. Just enjoy with a click here.

Preparando l’uscita del nuovo disco E lucevan le stelle Marguerit, Marco Mencoboni, produttore e direttore artistico della registrazione, ci manda da Venezia un secondo video che ci permette di scoprire in anteprima la bella musica di Francesco Spinacino. E’ la volta della chanson De tout bien playne. Venerdì prossimo è previsto un nuovo incontro, che ci permetterà di scoprire un nuovo brano del disco. Ascoltate e guardate con un semplice click qui.

Il download del concerto di Utrecht


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il concerto all’Oude Muziek Festival

I am smoking a good antic Toscano cigar, the taxi driver brought me in that café in front of the port, driving as a crazy trough the dirty roads near the airport. It’s 6.30 pm, yesterday at this time I was conducting the very last notes of the encore of our concert, then once more the explotion of the loudly clapping of those seven hundred persons smiling at all of us. One old lady come immediately to me asking if we could play and sing more, but we were all exhausted: that was the most difficult and probably the best concert we’ve ever done since we make music together.

Late at night I worked in Amsterdam together with Max van Egmond at the Dutch version of Ad Vesperas that will be as soon as possible published in
E lucevan le stelle’s site
. We finished at 2 am end we took the time to drink a bottle of French wine. My train for Brussels was leaving quite early and in the plane that brought me here I slept the all time, sometimes waking up with my mouth open, just exhausted. Unfortunately the boat that I was supposed to jump in and come back to Ancona left two days ago, they had to leave because of the horrible meteorological prevision, and so they could not wait for me as we agreed. I’m alone in Corfu that is a beautiful Greek island and I still have inside the big emotions of yesterday. Here the sea is very calm, but my sailing friends had to stop the boat in Pescara and leave it there for the moment, too dangerous to continue the sealing. The planes are taking off very loudly, but the beer is cold enough, the cigar is very fresh and the sunset is almost starting. I left a good tip to the young man that brought my panino and the beer, I’ve asked to plug in somewhere my laptop: Do that where is the fridge! and so I did.

I don’t wont to talk about the concert, you can download and listen to it, but I will never forget the emotion that I’ve shared with all the musicians and the public. It seems to me a miracle that we did not have accident during the performing, Josuè said at the end: I think this was the most far conducting and performing of the whole history of music! I had to laugh. When we performed the Alma Redemptoris Mater by the way we were so close to each others that I could move step by step near all the musicians, looking in their eyes the deep feeling they had inside, move my hands just in front of their mouth, and see Lia’s crying while she was singing.

I specially want to thank Marco Traferri that made possible that more then a thousand people to listen to the concert at home (the connection being not fantastic thou), and I have to thank two persons called Paolo. The first is my brother, that made every thing working fine around us, and the second is the one that even if he didn’t have any energy left, made a big effort to sing at the end the Alma Redemptoris Mater, that the pubblic really appreciated.

I now remember that at the end of the Salve Regina, the last motets of the concert, the bells of the church started to play with an incredible timing, It’s lightly possible to ear that the recording; at that moment I believed it was a sign from Diego Ortiz himself. The cigar is finished; I have now to find an internet point to send this post, and a place to sleep.

To download the concert in a good MP3 format please click here [171 Mb].

To download the concert in the high definition Apple Loseless format (875MB) please click here [875 Mb].

To download the Program of the concert please click here.

To download the Lirics of the concert please click here.

If you want to read what the public wrote in the cantar lontano’s book please click here.

If you want to see my actual office please click here.

Love. Marco

Fumo un antico toscano, il tassista mi ha portato in questo caffè davanti al porto, guidando come un pazzo tra le sporche e dissestate strade vicine all’aeroporto, sono le 18,30 e ieri, esattamente a quest’ora, dirigevo le ultime note del bis del nostro concerto, e poi ancora una volta l’esplosione dell’applauso di più di settecento persone sorridenti. Un’anziana signora è subito venuta in prima fila per chiedermi di suonare e cantare ancora, ma eravamo tutti esausti ed avevamo forse terminato il più difficile e bel concerto da quando abbiamo cominciato a fare musica insieme.

Fino a tarda notte ho lavorato ad Amsterdam insieme a Max van Egmond registrando la versione olandese del racconto Ad Vesperas che sarà pubblicato appena possibile sul sito di E lucevan le stelle. Abbiamo finito alle due di notte, e ci siamo poi presi il tempo per berci una bottiglia di buon vino francese. La mattina successiva il mio treno per Bruxelles partiva presto e sull’aereo che mi ha portato qui ho praticamente sempre dormito, mi svegliavo di tanto in tanto con la bocca aperta, semplicemente esausto. Purtroppo la barca sulla quale sarei dovuto saltare, proprio adesso, per tornare ad Ancona, è dovuta salpare con due giorni di anticipo sulla data concordataa causa delle pessime previsioni metereologiche. Così non mi hanno potuto aspettare. Sono da solo a Corfù, una bella isola della Grecia, ho ancora dentro l’emozione di ieri, il mare è piatto qui davanti, ma i miei amici naviganti si sono dovuti fermare a Pescara e lasciare il veliero lì, era troppo pericoloso continuare con quelle condizioni del mare, forse è stato meglio così per me. Gli aerei decollano sopra la mia testa con un baccano infernale, la birra è ghiacciata, il sigaro molto fresco e l’ora del tramonto sta per iniziare. Ho lasciato una discreta mancia al ragazzo che mi ha portato il panino e la birra e gli ho chiesto se potevo collegare il mio portatile ad una presa: Attaccalo dietro al frigo! e così ho fatto.

Non mi va di parlare del concerto, potete scaricarlo ed ascoltarlo voi stessi dai link riportati qui sotto, ma non dimenticherò mai l’emozione che ho condiviso con tutti i miei musicisti ed il pubblico. Sembra quasi miracoloso che non ci siano stati incidenti durante il concerto e Josuè ha detto dopo il concerto: Secondo me è stato il concerto in cui si è stati più lontani in tutta la storia della musica! e mi è venuto da ridere. Quando abbiamo eseguito l’ Alma Redemptoris Mater tuttavia eravamo talmente vicini che potevo avvicinarmi passo dopo passo a tutti i musicisti, guardargli negli occhi e sentire la loro emozione profonda, potevo muovere le mie mani fino davanti alle loro bocche e vedere le lacrime di Lia che le rigavano il volto per poi cadere a terra mentre cantava.

Voglio in particolare ringraziare Marco Traferri che da Ancona ha reso possibile a più di mille persone di ascoltare il concerto da casa propria (la connessione non era proprio ottimale) e due persone di nome Paolo. Il primo è mio fratello, a cui va il merito di aver fatto funzionare tutto alla perfezione, il secondo è uno dei cantanti che ha fatto il grande sforzo di tirar fuori quell’ultimo granello di energia che aveva in corpo per cantare l’ Alma Redemptoris Mater, che il pubblico ha particolarmente apprezzato. Mi viene in mente ora che alla fine del Salve Regina, l’ultimo brano in programma, le campane del Duomo hanno cominciato a suonare, perfettamente in tempo con la conclusione del nostro concerto. Si riescono a sentire, in lontananza nella registrazione. In quel momento ho pensato fosse un segnale dello stesso Diego Ortiz, che da qualche parte dell’universo ci mandava un saluto. Il sigaro è finito, adesso devo trovare un internet point per spedire questo post e poi un posto dove dormire.

Per scaricare il concerto in un buon formato MP3 fate click qui [171 Mb].

Per scaricare il concerto nel formato di alta qualità Apple Loseless allora fate click qui [875 Mb].

Se volete scaricare il Programma del concerto fate click qui.

Se volete seguirlo leggendo i Testi del concerto allora cliccate qui.

Se volete leggere i commenti lasciati dal pubblico sul Libro del Cantar Lontano allora cliccate qui.

Se invece sieti curiosi di vedere il mio attuale ufficio allora cliccate qui.

Con affetto
Marco

La Viola di Cristiano


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

La foto di CristianoLa Viola da Gamba è uno strumento che appartiene ad una famiglia di strumenti ad arco muniti di tasti sul manico, diffusi soprattutto nei secoli XVI-XVII e ritornati in uso in epoca contemporanea per l’esecuzione di musiche antiche. A partire già dal sec. XIV la viola da gamba aveva rimpiazzato la “viella” come il più importante strumento ad arco in Europa; a sua volta venne sostituita nel sec. XVIII dagli strumenti della famiglia del violino dotati di una sonorità maggiore e più robusta. Quando viene suonato da musicisti del calibro di Cristiano Contadin, questo strumento assume una fisionomia speciale, è in grado di cantare, pur non avendo parole a disposizione da essere pronunciate. Dal concerto Il libro rosso di Macerata, dello scorso 24 aprile, vi proponiamo due ascolti: il primo è l’intavolatura diminuita per viola alla bastarda e continuo realizzata da Girolamo Dalla Casa del madrigale Anchor che col partire di Cipriano de Rore, che potete ascoltare facendo clic qui.

Il secondo invece è la bella Sonata in sol minore op. 1 nr. 6 per viola da gamba e continuo di Georg Friedrich Händel nei tempi Andante, Allegro, Adagio, Allegro che potete ascoltare facendo clic qui.

Tutte le viole da gamba vengono tenute verticalmente sopra o fra le gambe del suonatore; da qui il nome di viola da gamba in contrapposizione a quello di viola da braccio attribuito a tutte quelle viole che si appoggiavano alla spalla. Se volete fare il download dei due brani ed aggiungerli alla vostra collezione allora procedete facendo clic qui
Accompagnano Cristiano Franco Pavan alla tiorba e Marco Mencoboni al clavicembalo. Buon ascolto.

Le ferie di Licu


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Le ferie di Licu Verso ottobre dello scorso anno, ci giunse una richiesta particolare, il giovane regista indipendente Vittorio Moroni, si era innamorato di un brano per liuto tratto dal nostro disco Languir me fault. Era la Fantasia di Marco da l’Aquila, suonata da Gabriele Palomba. Quello era il brano che avrebbe dovuto accompagnare alla fine del film la partenza del giovane Licu. Forse è l’atmosfera tersa di quelle poche note o il rincorrersi del contrappunto delle voci interne, oppure quel senso di velata ma intensa malinconia che caratterizza l’esecuzione ad aver affascinato il regista? Lui ha promesso di spiegarcelo a voce, con un podcast che presenteremo su queste pagine. Abbiamo volentieri concesso i diritti, il nostro brano è già colonna sonora del trailer, siamo tutti noi curiosi di vedere il film, e consigliamo di farlo a tutti. Le ferie di Licu sarà al cinema, da domani, per una settimana (4-10 maggio) forse l’unica! Per sostenere il film è importante andarci presto: nel primo week end, e dirlo alle persone interessate. Niente spot, poca pubblicità, solo il tam-tam può aiutare a farlo esistere. Distribuito da 50N e MYSELF CINEMA, Le ferie di Licu è la storia di due ragazzi bengalesi che si sposano senza conoscersi, per volere delle famiglie, e del loro primo anno di vita insieme a Roma. Il film, girato tra l’Italia e il Bangladesh, è prodotto da 50N con RaiCinema ed è attualmente presente in vari festival internazionali.


Tutte le informazioni sono su: www.leferiedilicu.it

Il film è proiettato a Milano al cinema Colosseo, a Roma al Metropolitan.

Se volete ascoltare la Fantasia di Marco da l’Aquila fate clic qui.

Il disco Languir me fault è disponibile sul music store di E lucevan le stelle Records www.elucevanlestelle.com

Un guerrilla movie coraggioso, poetico, politico che andrebbe visto da tutti, perché tutti siamo altri: italiani ed extracomunitari.
Ciak

Il viaggio di Moroni e Piccarreda comincia così, senza copione, con la macchina da presa che gira in diretta, comincia col desiderio di vedere come finisce una storia come questa…
La Repubblica

Moroni sa filmare i passaggi, gli slittamenti, i dettagli, il senso del dubbio con lucidità lasciando l’orizzonte aperto. Come dovrebbe sempre essere
Il Manifesto

L’Ave Regina di Gombert


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il Frontespizio dei Mottetti Nicolas Gombert (c.1490 - 1556) è stato uno dei più importanti compositori della sua generazione, nonché uno dei compositori più avanzati, soprattutto sotto il profilo tecnico. Nato in un villaggio delle Fiandre ha raggiunto come musicista posti di rilievo nelle più importanti corti europee, fino a divenire compositore di corte dell’imperatore Carlo V°, ruolo che gli permise di viaggiare per tutto il continente. A differenza dei suoi contemporanei, particolarmente influenzati dal gusto italiano, Gombert rimase un compositore strettamente legato alla scuola contrappuntistica del suo grande maestro, Josquin Desprez. Il concerto milanese di Cantar Lontano ha presentato il bellissimo mottetto mariano a cinque voci Ave Regina Coelorum, tratto dal secondo libro dei mottetti a cinque voci, pubblicati a Venezia nel 1550 da Scotto. Il brano è stato eseguito con la tecnica del cantar lontano, ogni parte era cantata da due voci ed uno strumento. Ascoltate la registrazione tratta dal concerto facendo clic clic qui.
e divertitevi leggere direttamente dalla stampa antica disponibile cliccando qui, o dalla trascrizione fedele di Marco Mencoboni, che potete scaricare qui
Buon ascolto e buon divertimento.

Il Dixit di Dominique Phinot


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il Frontespizio dei SalmiProbabilmente francese d’origine, della vita di Dominique Phinot (1510 - c.1556) non si conoscono molti dettagli. Gran parte della sua carriera si sviluppò in Italia ed è accertata la sua presenza ad Urbino tra il 1544 e 1555, dove ebbe incarichi sia come maestro di cappella della Cattedrale che come musicista di corte. Passò poi del tempo a Lione, in Francia, poiché parecchie sue pubblicazioni videro la luce nella città francese. Alcuni aspetti del suo stile ricondurrebero a contatti con la città di Venezia, ove furono pubblicati i suoi due libri di salmi, tra cui quello dal quale è stato tratto il Dixit dominus a 4 voci eseguito a Milano dal complesso Cantar Lontano. Da una ricerca effettuata sembra che l’esecuzione milanese sia stata la prima in epoca moderna. Eccola nella registrazione dal vivo, grazie alle voci di Andrea Arrivabene, Fabio Furnari, Marco Scavazza ed Enrico Bava.
Ascoltatelo facendo clic qui.

Se poi volete ascoltare leggendo dalla partitura originale, sulla quale Marco Mencoboni ha lavorato per rendere possibile l’esecuzione, allora date via al download facendo clic qui

Il grande Gesualdo


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Un’altro ascolto per gli affezionati alla nostra musica, sempre dal concerto milanese Et pax post bellum advenit è una delle Sacrae Cantiones a cinque voci del grande Gesualdo da Venosa, dal titolo O crux benedicta. Suggestiva la disposizione spettacolare pensata dal direttore: a metà concerto i cinque solisti sono scesi dal matroneo ed hanno cantato circondando il direttore, una fascia bianca al busto, le spalle al pubblico ma lo sguardo rivolto al grande crocifisso ligneo della basilica di San Lorenzo. Il buio totale è sceso in basilica, solo la musica del grande compositore tra i 6 musicisti in basso e la grande Croce illuminata. Ecco la registrazione audio di quel momento particolarmente suggestivo, le voci quelle di Paolo Costa, Fabio Furnari, Mauro Borgioni, Marco Scavazza, Walter Testolin.
Ascoltatelo facendo clic qui.

I primi ascolti


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Ecco il primo ascolto dal concerto Et pax post bellum advenit il mottetto a doppio coro Alma Redemptoris Mater di Orlando di Lasso. Il brano è stato eseguito due volte in successione, la prima con le sole voci e la seconda con i raddoppi di tutti gli strumenti, portati nell’interpretazione di Cantar Lontano fino al limite possibile delle proprie possibilità sonore. L’uso del tamburo rinascimentale, suonato da Antonio Pani dalla cantoria dell’organo, ha completato la pienezza dell’esecuzione, riempendo di suono la volta della basilica di San Lorenzo.
Ascoltatelo facendo clic qui.

Eccoci al Bit


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

DSCN2044L’atmosfera al Bit è già carica di prima mattina. Tanta gente sta arrivando, i preparativi fervono. Tra poco si parte. Stay Tuned

Le Nostre Stelle, terzo incontro: il controtenore Alessandro Carmignani


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il controtenore Alessandro CarmignaniAltro giro, altro regalo. Terzo appuntamento con Le Nostre Stelle: il controtenore Alessandro Carmignani ai microfoni di Giovanna. Ascoltatelo in un’intervista unica, imperdibile e divertentissima. Divertentissima? Sì, divertentissima! Se poi volete rivivere quello speciale momento magico e lindo che ricorda Alessandro occorso durante la registrazione del disco dedicato alla musica di Diego Ortiz, fate clic qui ed ascoltate la bella fine di quella sessione di registrazione.

 


icon for podpress  Il controtenore Alessandro Carmignani: Play Now | Play in Popup | Download

Le Nostre Stelle, secondo incontro: Il baritono Mauro Borgioni


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Fai clic per ingrandire la foto di Mauro BorgioniIl baritono Mauro Borgioni è l’ospite della nuova puntata di Le Nostre Stelle. Ascoltatelo parlare di sé, della sua attività artistica, del suo incontro col Cantar Lontano del suo ruolo all’interno del’ensemble e mentre interpreta la canzonetta a voce e strumenti Amorosa Lontananza di Biagio Marini (1594-1663).

 


icon for podpress  Il baritono Mauro Borgioni: Play Now | Play in Popup | Download

Le Nostre Stelle, primo incontro: Il tenore Fabio Fùrnari


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Il tenore Fabio FùrnariPrende il via Le Nostre Stelle, incontro periodico con gli artisti del Cantar Lontano. Il primo incontro e con il tenore Fabio Fùrnari. Ascoltatelo in podcasting mentre racconta la sua esperienza artistica, il suo rapporto col Cantar Lontano e mentre interpreta la cantata di Giacomo Carissimi Quasi Aquila. Sottoscrivete il feed oppure utilizzate il player. Dati del file: 18 Mb - 19′44″ - 128 Kb/sec stereo.

 


icon for podpress  Il tenore Fabio Furnari: Play Now | Play in Popup | Download

Ancora primi


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

La copertina del discoE’ la terza volta, nell’arco di due anni, che la rivista Amadeus premia un CD E lucevan le stelle come il più bel disco del mese. E’ toccato, nel numero di ottobre, a Languir me fault. In precedenza erano stati premiati il disco Liquide Perle e il volume Circumdederunt me. Leggete qui la critica in formato pdf. Noi del Cantar Lontano ne siamo fieri e orgogliosi. Anche perché il progetto Languir me fault è nato a Cantar Lontano 2005, in tanti ricorderanno lo splendido concerto all’Abbazia di Sant’ Elena di Serra San Quirico alla mezzanotte del 25 giugno del 2005; una chiesa gremita ad applaudire Emanuela, Franco e Gabriele. E’ anche di questi giorni la firma del contratto per la cessione alla 50N srl di Roma dei diritti per l’utilizzo cinematografico di un brano di Languir me fault, la bella Fantasia di Marco dall’Aquila suonata da Gabriele Palomba. Il brano lo potrete ascoltare in chiusura del film Le ferie di Licu, a breve sugli schermi e girato da Vittorio Moroni. Lo regaliamo a tutti i nostri sostenitori e amici che non lo avessero ancora ascoltato. Lo potete scaricare in mp3 facendo clic qui. Il disco Languir me fault è reperibile attraverso il nostro distributore Sound and Music. La sensibilità dei critici di Amadeus sembra aver colto in pieno l’idea che ha mosso i tre artisti Galli, Palomba e Pavan alla realizzazione del cd, prodotto e diretto dalla prima all’ultima nota da Marco Mencoboni, guardate cose ci hanno detto gli interpreti durante la registrazione avvenuta nel minuscolo paesino svizzero di Bondo.

Emanuela Galli


Franco Pavan


Gabriele Palomba


Il Salve Regina a 4


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Con piacere vi faccio ascoltare un’altro dei brani di Diego Ortiz che lasciano senza parole, il Salve Regina a 4 che abbiamo eseguito, in prima esecuzione moderna, al concerto di Siracusa.
Personalmente ero un po’ titubante nell’affrontare questo pezzo, visto lo splendore dell’omonimo brano a 5 voci, temevo il confronto. Invece anche questo mottetto è di una bellezza ultraterrena. A dire il vero, anche qui, le voci necessarie sono 5, perché nel versetto Eya Mater si vede comparire, all’improvviso una seconda parte di Superius (un’altra voce acuta oltre alla prima). Per questo, sebbene il brano sia presentato dal compositore come un brano a 4 voci, per eseguirlo bisogna essere necessariamente in 5 anche se mai le 5 voci cantano insieme. Abbiamo fatto spuntare il secondo Superius, cantato da Roberta Giua, dal fondo della chiesa e manco a farlo apposta, tutte le teste si sono girate indietro a cercarla. Sempre di più mi convinco che, dopo il primo disco dedicato alle musiche di Ortiz in uscita a dicembre, bisognerà rimboccarsi le maniche e mettere in cantiere l’incisione di un secondo disco. Non farlo sarebbe un peccato, noi siamo tutti d’accordo.
Il microfono, purtroppo è posizionato nella parte anteriore della Chiesa e la voce di Roberta, rimane necessariamente sullo sfondo.
cantano Roberta Giua, Paolo Costa, Fabio Furnari, Marco Scavazza, Walter Testolin
Saluti e buon ascolto marco

ps La rivista FMR mi ha commissionato un racconto su Diego Ortiz che sarà pubblicato nel numero di dicembre, si chiamerà AD VESPERAS, lo scriverò su queste pagine, giorno per giorno.

Salve Regina a 4 di Diego Ortiz
Scaricate il file facendo clic qui o ascoltatelo utilizzando il player.

Perché non abbiamo potuto fare la diretta da Siracusa


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Siracusa è una città affascinante, bella la gente, simpatici i ristoratori, bello il pubblico con cui abbiamo avuto a che fare, belle le location che ci è stato concesso di utilizzare per l’anno zero della nostra nuova iniziativa, che si è conclusa con successo. L’unico rammarico è il non essere riusciti a diffondere in diretta, come ci eravano ripromessi, il concerto di sabato sera dalla Chiesa di Santa Lucia, e poi per una sciocchezza: un cavo. Non siamo riusciti a trovare 15 metri di cavo, un cavo banale che troviamo in tutti i negozi che trattano materiale per computer, un banalissimo cavo di rete. Il simpaticissimo parroco di Santa Lucia, Padre Salvatore, è un frate tecnologico, una buona connessione ad Internet adsl, computer nuovi, l’unica cosa è che l’attacco alla rete, necessario per collegarci ad un sito americano che avrebbe mandato il nostro concerto in giro per il mondo, era troppo distante dalla chiesa. Ci voleva un cavo di rete per estendere il collegamento, 20 metri sarebbero stati ottimali, 15 sufficienti. Abbiamo lasciato questa incombenza per il sabato pomeriggio, una volta terminate tutte le prove ma su questo siamo caduti, perché di sabato pomeriggio, a Siracusa, i negozi di computer sono chiusi, tutti. Risultato: niente cavo = niente diretta. Di questo ci scusiamo con tutte le persone (un centinaio) che puntualmente hanno aceso il computer alle 21 di quel sabato sera, miglioreremo le prossime volte. Il concerto di Siracusa ha avuto una particolarità non da poco, si è svolto sotto un bel quadro del Caravaggio. A Melilli, per il concerto di mezzanotte, eravamo rassegnati a fare un bel flop, poiché fino a cinque minuti prima dell’inizio del concerto eravamo in sei. Poi, con un tempismo incredibile, lo spazio si è riempito di pubblico, era soprattutto la curiosità a portarli da noi, molto giovani, alcuni credevano avessimo organizzato una festa da ballo, altri erano venuti per Dhafer che, malgrado infastidito dai rumori anche minimi amplificati dall’incredibile acustica della cava, ci ha regalato un gran bel concerto. Il concerto si è chiuso con l’esecuzione del Regina Coeli di Diego Ortiz, che abbiamo eseguito da una grotta alle spalle del pubblico, che è stato tentato di alzarsi per andare a cercare l’ogigine di quel suono che “sembrava un disco”. Ad Augusta, onorati della visita all’inizio del concerto del Presidente della Provincia Marziano che ha colto tutti di sorpresa, abbiamo fronteggiato un pubblico curioso e numeroso.
Lasciamo scaricare alcuni momenti dei concerti in podcast con files mp3.

Dal concerto di Siracusa, realizzato con la tecnica del Cantar Lontano, il brano Alma Redemptoris Mater di Diego Ortiz
Scaricate il file facendo clic qui o ascoltatelo utilizzando il player.

Dal concerto di Dhafer Youssef alcuni momenti del concerto, che si è svolto nella bellissima Cava della Pirrera.
Scaricate il primo file facendo clic qui o ascoltatelo utilizzando il player.


Scaricate il secondo file con il Regina Coeli di Ortiz al termine del concerto facendo clic qui o ascoltatelo utilizzando il player.

Dal concerto di Andrea Damiani, tenuto nella piccola chiesa delle Anime Sante di Augusta scaricate i brani di Alberto da Mantova, presentati dallo stesso artista facendo clic qui o ascoltatelo utilizzando il player.

I commenti del pubblico:
Siracusa:
Profonde emozioni e vibrazioni, Antonia.
Abbiamo ascoltato un raffinato concerto, Giuseppe.
Con tanto entusiasmo, Lucia.
Molto Commosso, Antonio.
Semplicemente unico e straordinario, Rossella.

Melilli:
Con tutto l’amore per quello che è arte, Cabeci climbing, Caltavutoro.
Fra il 16 e il 17 settembre un’emozione continua, Maria Pia.
Una sensazione di benessere e serenità, Grazie. (senza firma)

Augusta:
E’ stato bellissimo, grazie Bruno.
Mi sono sentita cullata dalle note, Mariella.
Dopo il Caravaggio e la Pirrera anche Augusta è stata magnifica. Speriamo che dopo l’anno zero ci sia il primo! Grazie Salvatore Pelliccia.
Ieri a Melilli oggi ad Augusta, mia città ho il pieno di musica e calma e ho fatto il bis.
Il piacere di condividere con amici musici un momento magico. Rosamaria.

Buon ascolto, sperando di farVi cosa gradita

Gli ascolti da Loreto


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Ecco on line alcuni ascolti del bellissimo concerto tenuto da Olivier Marcaud e Domitille Vigneron a Loreto. La Passioun cantate e recitata da Olivier ha lasciato tutti i presenti a bocca aperta. Uno spettacolo molto bello quanto semplice. Una viella, un tamburo e la voce di Olivier hanno incantato il pubblico che, senza avere un libretto, ha potuto seguire l’antico testo in Occitano comprendendo il testo e lo svolgimento dello spettacolo. Grazie anche al talento di Olivier Marcaud, che si è rivelato, oltre ad un bravissimo cantante, un meraviglioso attore.

L’inizio della passione

Crocifissione e morte di Gesù

La risurrezione

La fine e il congedo del cantore

Il bis: Kirye

Gli ascolti da Portonovo


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Dopo le immagini, gli ascolti. Per respirare appieno l’atmosfera nella quale ci siamo immersi alla mezzanotte del 25 giugno a Portonovo.

Ramon Navarro, Chayita del vidalero
Scaricate il file facendo clic qui o ascoltatelo utilizzando il player.

Gaspar Sanz, Jacaras y canarios
Scaricate qui o ascoltatela utilizzando il player.

Anonimo, Ojos azules
Scaricatelo qui o ascoltatelo utilizzando il player.

Gregorio Torcetta - Aníbal Cuadros, Compadre del sol
Scaricate il brano facendo clic qui oppure ascoltatelo utilizzando il player.

Anonimo, Noche serena
Scaricate qui o ascoltate il brano utilizzando il player.

Gli ascolti da Serra San Quirico


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\trailtramontoelalbainfo\cantarlontano\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

La Reverdie al Cantar Lontano 2006Alcuni ascolti dal concerto Viaggio in Italia di Dufay, tenutosi domenica 25 giugno alle ore 21.00 presso l’Abbazia di Sant’Elena di Serra San Quirico, che Cantar Lontano ha realizzato per la concomitanza sul territorio della mostra su Gentile da Fabriano e il Millennio dell’Abbazia. Il concerto era dedicato principalmente alle musiche di Guillaume Dufay dal complesso La Reverdie, composto da Claudia Caffagni liuto, voce/Livia Caffagni viella, flauti, voce/ Elisabetta de Mircovich voce, ribeca/ Ella de Mircovich voce, arpa/ Doron David Sherwin voce, cornetto muto, percussioni/ Matteo Zenatti voce, voce recitante.

Claudia Caffagni spiega il senso di questo concerto. Scaricate il suo pezzo in formato pdf.

Passiamo agli ascolti.

Proponiamo innanzitutto il primo brano del concerto: la ballata Morir desio di Bartholomeus de Bononia, conservata manoscritta ad Oxford presso la Bodleian Library, con signatura MS Canonici Misc. 213/. Questa ballata fu composta per l’incoronazione a papa di Giovanni XIII, avvenuta il 17 maggio 1410. Ascoltabile qui o mediante il player.

Poi un bellissimo brano strumentale di anonimo dal titolo Novel Canto.
Ascoltatelo facendo clic qui o utilizzando il player.

Proseguiamo poi col brano che ha concluso il concerto: il mottetto isoritmico di Dufay “Supremum est mortalibus bonum”.

E concludiamo con il bellissimo Alleluia proposto come Bis.

Feed: RSS, Atom